Fallimento di Italcoge, arrestato l'imprenditore valsusino Ferdinando Lazzaro

L'indagine ha riguardato da un lato prelievi di contanti per 2 milioni e 600mila euro effettuati dai conti correnti della società fra il 2007 e il 2011

Crakc nel mondo dell'imprenditoria. E' stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Torino l'imprenditore valsusino Ferdinando Lazzaro nell'ambito di indagini sul fallimento di Italcoge, società che in passato aveva svolto anche lavori per il Tav Torino-Lione. I pm Roberto Furlan e Alberto Benso procedono per bancarotta. La misura cautelare riguarda anche un collaboratore di Lazzaro.

Italcoge fu dichiarata fallita dal tribunale di Torino nel 2011. L'indagine, sfociata in una ipotesi di accusa di bancarotta per distrazione, ha riguardato da un lato prelievi di contanti per 2 milioni e 600mila euro effettuati dai conti correnti della società fra il 2007 e il 2011: denaro che sarebbe stato utilizzato per scopi personali, come le vacanze o le trasferte al casinò di Saint Vincent.

Lazzaro era già stato arrestato nel 2014 per una fidejussione finalizzata a creare una nuova società, Italcostruzioni, che doveva sostituire Italcoge nei lavori alla Tav. L'imprenditore è anche imputato nel processo San Michele per reati ambientali.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Esplosione e incendio distruggono la tensostruttura, fiamme nei locali e nube di fumo

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento