Non c'è pace per il capo ultrà della Juve: arrestato perché "intermediario nel traffico di droga"

Si era trasferito da un anno

Andrea Puntorno (foto pubblicata dal sito della trasmissione Report di Rai3)

Andrea Puntorno, 42 anni, storico leader dei Bravi Ragazzi, gruppo organizzato della tifoseria della Juventus, è stato arrestato nella notte di oggi, lunedì 4 marzo 2019 ad Agrigento, dove era andato ad abitare da circa un anno.

La direzione distrettuale antimafia di Palermo, che ha spiccato per lui un mandato d'arresto insieme a una trentina di persone, ritiene che sia un intermediario per il traffico di droga tra le famiglie criminali calabresi di Vibo Valentia e quelle di clan mafiosi di Agrigento

Puntorno, che attualmente gestisce un bar in Sicilia, è finito nei guai a Torino prima per un'indagine per droga e poi in quella sul bagarinaggio di biglietti allo Juventus Stadium. Nei suoi confronti era stata anche disposta una confisca da 500mila euro e la misura della sorveglianza speciale perché ritenuto dai giudici torinesi “socialmente pericoloso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Giornata mondiale della pizza: ecco dove mangiarla a Torino

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Al volante senza patente: fugge, provoca un incidente e prova a investire un poliziotto

Torna su
TorinoToday è in caricamento