16mila immagini pedopornografiche memorizzate nel suo pc: arrestato

La polizia postale di Roma ha arrestato ieri un insospettabile professionista del torinese, che custodiva, schedate nel suo computer, migliaia di immagini pornografiche ritraenti minori

Un archivio organizzato con cura e precisione: ma nel computer di un insospettabile professionista del torinese non c’erano soltanto documenti di lavoro, bensì ben 16mila fotografie pedopornografiche, classificate con meticolosità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La polizia postale di Roma lo ha arrestato ieri, sequestrando il computer dell’uomo assieme ad altri supporti informatici. L'operazione è scattata in seguito a intercettazioni telematiche disposte dalla Procura romana: secondo quanto accertato, l’arrestato condivideva il materiale mediante appositi programmi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Tragico schianto in autostrada sulla Torino-Savona: due operai torinesi morti

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Incidente in strada a Torino: tram investe pedone e lo uccide

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento