Cronaca

Arrestati baby scippatori sul tram 4, "l'investimento funziona"

Il Gruppo Torinese Trasporti ha investito oltre 230 mila euro per dotare 55 vetture di impianti di videosorveglianza. Grazie ai filmati alcuni scippatori sono stati identificati e arrestati

Grazie alla visione delle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza presenti sul tram della linea 4, una banda di ragazzini scippatori è stata arrestata. L'operazione è stata portata a termine grazie alla cooperazione tra Gtt e Polizia, che con appostamenti e pedinamenti è riuscita ad individuare quei personaggi ben visibili nei video durante il compimento dei reati.

Per il momento solo alcune linee di Gtt sono dotate di impianto di videosorveglianza. Tra queste c'è la linea 4, quella su cui agiva la baby banda di scippatori. "Questi arresti confermano che gli investimenti sulla videosorveglianza sono, al momento, il migliore strumento contro i reati a bordo dei mezzi pubblici", ha sottolineato Walter Ceresa, presidente e amministratore delegato del Gruppo Torinese Trasporti.

Parla di investimento li numero uno di Gtt perché per dotare di videocamere i 55 mezzi pubblici serie 6.000 sono stati spesi oltre 230 mila euro. E in futuro si conta di aumentare il parco vetture che possano registrare ciò che avviene a bordo. Ma non solo. Per il momento le telecamere funzionano "in remoto", cioè quel che viene ripreso è visibile in un secondo momento. Quello su cui si sta lavorando però è un funzionamento "in streaming", in modo tale che le forze dell'odine possano vedere in diretta cosa accade su tram e bus e intervenire tempestivamente quando l'autista dà l'allarme.

In totale sono circa 700 i mezzi Gtt attualmente provvisti di telecamere a bordo, a cui si aggiungono le 1.500 presenti nelle stazioni metropolitane.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestati baby scippatori sul tram 4, "l'investimento funziona"

TorinoToday è in caricamento