Cronaca

Rubano carte di credito con il metodo delle "monetine lanciate a terra", arrestati

Arrestata la banda che in diversi mesi ha rubato centinaia tra borse, portafogli, cellulari e altri oggetti personale. Il modus operandi era sempre lo stesso e proprio questo ha permesso di arrestarli

Tre peruviani sono stati arrestati con l'accusa di indebito utilizzo di carte di credito. La banda utilizzava il cosiddetto metodo delle "monetine lanciate a terra", che consiste nel lanciare di nascosto alcune monetine (dell’importo di pochi centesimi di euro) vicino alla vettura della vittima di turno, richiamandone quindi l’attenzione e indicandole gli spiccioli con gesti o parole sufficienti a distoglierne l’attenzione dall’interno dell’abitacolo, in modo tale da permettere ad uno dei complici di aprire nel frattempo la portiera lato passeggero e trafugare la borsa per poi successivamente utilizzare indebitamente le carte di credito asportate.

Gli agenti hanno accertato che in questo modo i tre sono riusciti in diverse occasioni a fare loro le carte di credito altrui. Ma non solo. Durante le perquisizioni sono state rinvenute 180 tra borse e portafogli, mazzi di chiavi, telefoni cellulari, svariate tessere bancomat, 6 coltelli di varie dimensioni, appartenenti alle vittime di turno.

Il provvedimento cautelare è arrivato al termine di una lunga indagine iniziata con una denuncia. L’articolata attività investigativa ha, inoltre, consentito di ottenere numerosi riscontri probatori in ordine ai reati commessi dal sodalizio criminoso, alcuni dei quali documentati, anche con filmati video, in noti Hotel e ristoranti della città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano carte di credito con il metodo delle "monetine lanciate a terra", arrestati

TorinoToday è in caricamento