Attimi di pura follia prima del derby. Tifoso della Juve sfigurato dai calci

In manette due tifosi granata: Francesco Rosato e Domenico Mollica sono i responsabili dell'attacco violentissimo contro un 46enne tifoso della Juve. Lo hanno picchiato fino a quando non si muoveva più da terra

Lo hanno colto di sorpresa, attaccato, picchiato a mani nude e, una volta che era inerme a terra, hanno continuato a prenderlo a calci in faccia senza pietà. Non è un racconto inventato, ma è quello che è successo il primo dicembre scorso prima del derby calcistico tra Juventus e Torino. Luogo dell'attacco ad un signore di 46 anni, colpevole per gli aggressori di tifare per una squadra diversa dalla loro, è stato strada Altessano/via Druento, a due passi dall'ingresso allo stadio riservato ai supporters bianconeri.

"Il soggetto è stato aggredito a mani nude e ha perso coscienza cadendo a terra - racconta il capo della Digos Giuseppe Petronzi -. Lo hanno continuato a picchiare dandogli diversi calci in faccia". Le botte, tante e assolutamente ingiustificate, gli hanno deformato il volto. Oltre ai gravi risvolti psicologici, gli sono rimasti segni tangibili di quegli attimi: ha perso i denti e ora fa fatica a chiudere la bocca. "Bisogna demonizzare questi comportamenti - chiosa Petronzi -. La linea tra la vita e la morte è molto sottile in un contesto del genere e proprio per questo i due tifosi arrestati devono rispondere di tentato omicidio".

Il quarantaseienne era solo quel giorno e si stava recando allo stadio per assistere alla partita. Non aveva particolari segni distintivi della squadra del cuore, se non pochi centimetri di sciarpa che fuoriuscivano dal soprabito. Contemporaneamente e poco distante, un groppone di tifosi del Torino stava marciando verso lo stadio quando in pochi hanno deciso di staccarsi dal corteo con l'obiettivo di far male a "qualche juventino". L'attacco è stato ripreso dalle telecamere esterne allo stadio. La vittima è stata attaccata con una cattiveria tale da rendere impossibile ogni sua difesa. Botte date e fuga pronta per i supporters granata, lesti a nascondersi nuovamente nella massa prima di entrare allo stadio.

Non c'è stato nessun derby dal vivo per la persona aggredita. E' stato soccorso e trasportato d'urgenza all'ospedale San Giovanni Bosco vista la gravità delle lesioni subite. La mattina seguente ha subito un primo intervento di chirurgia maxillo facciale. Diagnosi: frattura chiusa del complesso orbito maxillo zigomatico e macro orbita destra con insellamento della regione gabellare e mal occlusione postraumatica tipo morso aperto anteriore. Meno di una settimana dopo il secondo intervento chirurgico per ricostruire il pavimento orbitario e ridurre la frattura nasale e mascellare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella mattinata di ieri sono scattate le manette per i due tifosi granata Francesco Rosato e Domenico Mollica, "due persone normali che la domenica si trasformano". Nella vita fanno uno lavori saltuari e l'altro l'operaio. Quanto a Rosato ha qualche precedente penale ma non legato a fatti avvenuti negli stadi. Ora per i due è scattato il Daspo automatico e sono rinchiusi nel carcere di Torino. "Gli aggressori hanno agito con determinazione e con l'assoluta volontà di cagionare non solo gravi lesioni - aggiunge il capo della Digos -, ma soprattutto nella consapevolezza che i violenti e ripetuti colpi sferrati contro il malcapitato, in parti del corpo vitali, avrebbero potuto causare conseguenze ben più gravi, anche la morte dell'aggredito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

  • A 11 anni si allontana per non sentire litigare i genitori, dopo 10 km chiede aiuto a una guardia giurata

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • “Potresti essere più gentile?”: dopo la richiesta lo picchiano alla fermata dell’autobus

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Uomo scomparso da mercoledì sera: ritrovato il corpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento