Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Pozzostrada / Corso Filippo Brunelleschi

Si sfiora la rivolta al Cie, arrestati due ospiti per violenza

Uno dei due ha colpito con un bastone appuntito, ricavato dal manico di una scopa, un poliziotti e ne ha fatti cadere altri quattro dalle scale, l'altro ha dato il via al caos prima con insulti e poi minacciando un agente con un televisore

Sedata in tempo quella che poteva diventare una rivolta. Il Cie di corso Brunelleschi ha vissuto nuovamente momenti di tension e quando due ospiti del centro di immatricolazione hanno minacciato gli agenti di polizia.

Gli episodi sono avvenuti consequenzialmente. Ha iniziato Ksour A., un cittadino tunisino di 27 anni, che ha insultato ripetutamente il personale addetto alla vigilanza della struttura. Il ragazzo, che ha qualche precedente in materia di stupefacenti, vedendo che nessuno si spaventava, è rientrato nella sua stanza per rompere materialmente un televisore LCD e utilizzare lo scheletro per minacciare i poliziotti, aizzando contemporaneamente altri ospiti alla rivolta. Il ragazzo si è poi barricato nella sua stanza, fino a che non è stato arrestato, non prima però di reagire violentemente sferrando strattoni e gomitate.

L'esempio del ventisettenne è stato seguito anche da Abdessam S., cittadino tunisino di 31 anni, con qualche precedente anch'egli. Senza che nessuno lo vedesse ha spaccato il manico della scopa, creandosi di fatto un bastone appuntito di 42 centimetri. Dopo esserselo nascosto lungo l'avambraccio ha raggiunto il gruppo di stranieri più agitati. Anche lui alla fine è stato arrestato, in particolare per aver colpito un agente e averne fatto cadere altri quattro dalle scale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si sfiora la rivolta al Cie, arrestati due ospiti per violenza

TorinoToday è in caricamento