rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca Traves / Frazione Villa

In birreria con la pistola, a casa un arsenale: ai familiari aveva detto di essere dei servizi segreti

Ha anche simulato un malore

È stato sorpreso dai carabinieri nella birreria I Birrattieri di via Miglietti a Germagnano con addosso una pistola e 18 colpi ed è stato denunciato. Una volta a casa, in frazione Villa a Traves, i militari hanno scoperto un arsenale con armi di ogni tipo e soprattutto che lui aveva convinto i suoi familiari di lavorare per i servizi segreti. A quel punto, l'uomo, un 45enne italiano che aveva mentito a tutti, compresa la convivente, è stato arrestato per la detenzione di armi e degli esplosivi.

L'operazione è stata condotta la sera di giovedì 16 luglio 2020 dai carabinieri delle stazioni di Cirié e di Leini. Durante il controllo nella birreria, l'uomo aveva anche simulato un malore ed era stato trasportato in ambulanza all'ospedale di Cirié. Questo gli è costato anche una denuncia per interruzione di pubblico servizio visto che la sua sceneggiata ha costretto i militari ad abbandonare il controllo che era in corso nell'esercizio commerciale.

Tra le armi trovate a casa, oltre ad alcune pistole con relative munizioni, ci sono anche 16 katane, una balestra, un giubbotto antiproiettile, una giacca dell'esercito statunitense e una mimetica militare.

Arsenale a Traves - 16 luglio 2020

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In birreria con la pistola, a casa un arsenale: ai familiari aveva detto di essere dei servizi segreti

TorinoToday è in caricamento