Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Approvato il nuovo regolamento comunale per il trasporto dei disabili

Il servizio di trasporto conta oggi circa 1900 utenti. La nuova delibera, presentata dall'assessore Claudio Lubatti dovrà soddisfare una lista d'attesa di 1600 persone

E' stata approvata con 21 voti favorevoli e 16 contrari in Sala Rossa la delibera di revisione del regolamento per il servizio di trasporto per i disabili non in grado di servirsi dei mezzi pubblici e le persone cieche, che ad oggi conta circa 1.900 utenti. La delibera è stata presentata dall’assessore ai servizi sociali Elide Tisi e dall’assessore alla mobilità Claudio Lubatti. Con il nuovo regolamento il valore del “buono taxi”, 9 euro, prevede la compartecipazione da parte dell’utente calcolato sulle fasce ISE a partire da 2 euro per ISE non inferiore a 10.001 euro, fino a 7 euro per ISE superiore a 50.000 euro. Entro i 10.000 euro non è prevista compartecipazione.

E' stato inoltre fissato al prezzo del biglietto GTT per la tratta urbana il costo per la corsa sui pulmini attrezzati della GTT. I percorsi extraurbani effettuati con questi mezzi invece avranno una tariffa suddivisa su due fasce: prima cintura, (comprendente l’ IRCC di Candiolo e l’ospedale San Luigi di Beinasco) e seconda cintura (compreso l’aeroporto di Caselle). Un’ulteriore novità introdotta è l’incompatibilità tra riserva personale di sosta (posto auto riservato presso l’abitazione e il luogo di lavoro) e servizio di trasporto. 

Monitorerà il funzionamento del servizio un comitato consultivo espresso dalle associazioni di tutela, funzionari dei servizi sociali e della mobilità, sindacati. Il comitato potrà anche fare proposte migliorative. A seguito della mediazione con i rappresentanti delle associazioni di tutela delle persone con disabilità, il nuovo regolamento, che sarà seguito da una delibera applicativa di Giunta entro tre mesi, è da considerarsi in sperimentazione fino alla fine dell’esercizio finanziario 2013.

Presentando la delibera, Lubatti ha argomentato che l’obbiettivo del Comune è di eliminare nel breve periodo la lista di attesa di circa 1.600 persone, pur lasciando invariato l’impegno di spesa del 2011, pari a 2,3 milioni di euro. La delibera è stata integrata in aula con emendamenti della Giunta, con un emendamento del Movimento 5 stelle che sollecita l’estensione del Bip (biglietto integrato Piemonte) a questo tipo di mobilità, e con l’accoglimento di proposte delle Circoscrizioni cittadine. A seguire sono state approvate anche una mozione di accompagnamento del Movimento 5 stelle ed una del Partito democratico, dei Moderati e del Movimento 5 stelle. La prima impegna l’Amministrazione a implementare servizi di infomobilità, telematici e di pagamento elettronico. La seconda sollecita accordi con le centrali cooperative dei taxisti, il miglioramento dei livelli di accessibilità del parco automezzi e un maggior impegno finanziario della Regione per promuovere il diritto alla mobilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato il nuovo regolamento comunale per il trasporto dei disabili

TorinoToday è in caricamento