Le api si costruiscono la casa nel loculo del cimitero: serve l'esperto per recuperarle

Qualcuno aveva tentato di bruciarle

Le 20mila api recuperate nel loculo del cimitero di Rivalta

Circa 20mila api stavano costruendo la loro nuova casa nell'intercapedine di un loculo del cimitero di Rivalta di Torino: è avvenuto nel corso della fase di chiusura. Qualcuno, evidentemente indispettito dalla loro presenza, ha cercato di dare loro fuoco prima che il custode del camposanto si accorgesse di loro e desse l'allarme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra sabato 16 e domenica 17 maggio 2020, su incarico del Comune, un apicoltore le ha recuperate in un'arnia di polistirolo e le ha portate ai piedi della collina morenica, dove ha un suo allevamento che ne ospita già quasi 900mila.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

  • A 11 anni si allontana per non sentire litigare i genitori, dopo 10 km chiede aiuto a una guardia giurata

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • “Potresti essere più gentile?”: dopo la richiesta lo picchiano alla fermata dell’autobus

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Uomo scomparso da mercoledì sera: ritrovato il corpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento