Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Santa Rita / Via San Marino

Truffa del falso Postamat, anziana derubata di 7mila euro

La pensione d’invalidità della vittima è stata prosciugata nel giro di due mesi. Immediata la denuncia della 61enne alla polizia

Truffano, abbindolano, usano identità falsate per entrare indisturbati nelle case delle loro vittime. A Torino gli sciacalli sono sempre di più e a farne le spese, tanto per cambiare, sono quasi sempre gli anziani, aggirati da individui pronti a tutto pur di portar via oro o contanti alle loro prede. L’ultimo caso in via San Marino, zona Santa Rita, dove una donna di 61 anni si è vista sottrarre settemila euro in due mesi. Denaro sparito dal conto corrente postale. La pensione d’invalidità portata via come se nulla fosse.

Un colpo messo a segno da abili truffatori che sono riusciti ad ottenere un Postamat fasullo, spendendo addirittura 700 euro in una volta sola presso un supermercato. La vittima si è accorta dell’imbroglio troppo tardi. “Sono andata all’ufficio di via Briccarello per un prelievo – racconta la donna – e chiedendo l’estratto conto mi sono accorta che qualcosa non andava”. Il saldo disponibile, infatti, era sceso oltre la soglia di guardia. Colpa di alcune operazioni in uscita portate a termine dal 23 gennaio fino al 20 marzo. Prelievi e pagamenti che la donna non avrebbe mai eseguito. “Io non ho nemmeno il Postamat – rivela la 61enne -. Ritiro solo allo sportello, tramite operatore”.

E come abbiano fatto i ladri ad ottenere i codici rimane un mistero. Intanto la donna ha sporto denuncia alla polizia e chiuso il conto corrente incriminato. Ad un primo riscontro risulterebbero tutta una serie di prelievi eseguiti in vari sportelli del torinese. Tra la zona del Politecnico e corso Unione Sovietica. Alcuni quotidiani, in particolare dal 7 al 18 marzo dove ne risultano eseguiti due o tre al giorno. E poi ci sono piccole e grandi spese in negozi, una addirittura di 700 euro alla cassa di un centro commerciale Bennet.

“Ho aperto un conto nuovo – continua la donna -. E lì mi verrà accreditata la pensione”. Denaro che qualcuno ha scialacquato senza pietà, a quanto pare allo scopo di riempirsi il frigo e la pancia. Brutte storie che insegnano come raccomandazioni e inviti alla prudenza non bastino mai. Come la signora di questa storia in tanti, solo nel 2014, hanno denunciato raggiri compiuti da persone che cercano di abbindolare i pensionati e che con svariati trucchi ottengono il pass per introdursi dentro gli appartamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa del falso Postamat, anziana derubata di 7mila euro

TorinoToday è in caricamento