Cronaca

Antonio Saitta: "Piemonte è penalizzato dal Decreto del Fare"

Il presidente della Provincia di Torino scrive a Governo e parlamentari: Il Piemonte è stato penalizzato fino ad oggi dal cosiddetto 'decreto del Fare' del Governo Letta

Il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta non usa mezze parole: oggi ha scritto al Governo e ai deputati eletti nel nostro territorio, segnalando la grave situazione di disagio in cui versa la regione: "Il Piemonte è stato penalizzato fino ad oggi dal cosiddetto 'decreto del Fare' del Governo Letta che finanzia opere immediatamente cantierabili, ma siamo in tempo a far cambiare idea a Roma se i nostri parlamentari faranno inserire nel decreto i lavori urgenti sulle strade e le scuole che la Provincia di Torino ha pronti ed ha elencato".

Saitta nella lettera spiega: "Ho elencato lavori sulla nostra rete stradale che di fatto riguarda metà del Piemonte, per un totale di poco meno di 36 milioni di euro: si tratta di progetti pronti e cantierabili, che nell'arco di un paio di mesi a gare espletate potranno partire effettivamente e dare lavoro a decine di imprese, ma soprattutto ci consentirebbero di mettere in sicurezza interi tratti stradali".

Il presidente della provincia di Torino spiega che "in Piemonte il sistema dei controlli sulla sicurezza è molto più avanzato che in altre parti d'Italia e le pubbliche amministrazioni hanno il dovere di rispondere puntualmente: il patto di stabilità finora ci ha bloccato, il decreto del fare potrebbe invece aiutarci".

Saitta parla anche dell'edilizia scolastica: la Provincia di Torino ha stilato lavori nelle scuole per un ammontare di 5 milioni e 600mila euro. "Il Piemonte - conclude Saitta - può ricevere finanziamenti totali per più di 41 milioni di euro e vedere decine e decine di cantieri operativi già nell'estate: sto lavorando perché a Roma ne tengano conto e non deludano il territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonio Saitta: "Piemonte è penalizzato dal Decreto del Fare"

TorinoToday è in caricamento