Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Giambattista Pergolesi

Antifurti nebbiogeni e dissuasori in cemento per fermare i criminali della periferia

In Barriera di Milano i commercianti, esasperati dai furti, hanno deciso di dotare i loro esercizi di grate, telecamere e antifurti potenziati. E c'è chi si sta affidando alle porte blindate

Dagli antifurti nebbiogeni ai classici allarmi passando per le telecamere e le porte in cemento armato. I commercianti dei quartieri Barriera di Milano e Regio Parco hanno cominciato a dotarsi di nuovi strumenti di sorveglianza – da affiancare a quelli già ampiamente collaudati - per fronteggiare le bande che seminano il panico a Torino.Una scelta forzata, tutta colpa delle continue irruzioni notturne che causano danni a non finire. E c’è persino chi, stufo dei furti, ha deciso di posizionare dei blocchi di cemento o delle transenne davanti ai propri esercizi. E tutto solo per opporsi alle spaccate.

Negli ultimi mesi, infatti, i ladri della periferia nord hanno razziato diversi negozi, soprattutto bar e ricevitorie, e tentato di saccheggiare molti appartamenti con l’intento di rubare soldi e qualche prezioso. E più di una volta i delinquenti sono riusciti nel loro intento. Forzando una porta, rompendo una serratura o passando dalle finestre o dai cortili. Una situazione allarmante precipitata negli ultimi mesi. Motivo che ha portato Sandro, il nome è di fantasia, a montare degli antifurti nebbiogeni, generatori di fumo che riducono la visibilità al malcapitato di turno.

Stesso modus operandi anche per Carlo, altro nome è di fantasia, che ha deciso di piazzare dei dissuasori davanti al proprio bar. “Ho denunciato quello che accadeva alle forze dell’ordine e al Comune di Torino ma presto mi sono accorto che nessuno aveva intenzione di intervenire – spiega l’uomo -. Purtroppo i miei appelli non sono serviti a molto e, ancora oggi, sono costretto a studiare nuovi stratagemmi per evitare di essere rapinato”. Molti coloro che si sono visti costretti a intervenire con serrande rinforzate, porte blindate e addirittura grate, impossibili da segare in pochi minuti. Un vero e proprio equipaggiamento anti furfanti. “Sono più i soldi che spendiamo per opporci ai ladri che quelli che incassiamo durante l’anno” ha aggiunto Mario, un altro barista.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antifurti nebbiogeni e dissuasori in cemento per fermare i criminali della periferia

TorinoToday è in caricamento