Cronaca

Saldi invernali verso la fine: bene la vendita di cappotti e capispalla

Secondo Ascom Confcommercio l'andamento delle vendite terminerà in pareggio con il 2016

I saldi invernali si concluderanno in pareggio con il 2016. Secondo il bilancio di Ascom Confcommercio, a pochi giorni dalla chiusura dei ribassi che termineranno il 3 marzo,  va evidenziato un leggero aumento - tra il 2 e il 3% -, rispetto alla stagione precedente, della spesa delle famiglie nell'acquisto di capi di abbigliamento quali capispalla, cappotti e abiti da uomo.

Una scelta spinta sicuramente dalle basse temperature del mese di gennaio. Stabili invece le vendite di borse, accessori e scarpe. Per moda e abbigliamento, i saldi continuano quindi a rappresentare il 30-35% del giro d'affari.

L'andamento delle vendite nei saldi invernali - ha spiegato Maria Luisa Coppa, presidente Ascom - sono un banco di prova interessante per l'abbigliamento: il settore continua a segnare il passo, è necessario che si apra a innovazione e nuove tecnologie". 

In città, le vendite sono state maggiori nella prima parte di svendite, poi è stata registrata una contrazione mentre verso la fine, c'è una ripresa degli affari con " la corsa" agli ultimi articoli d'occasione rimasti. Vanno piuttosto bene gli acquisti, in questo periodo, nelle zone più turistiche e commerciali del capoluogo piemontese.

Panorama a macchia di leopardo per le periferie, in particolare la zona nord di Torino e alcuni centri della provincia con differenze a seconda di zone, tipologia di attività e clientela. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi invernali verso la fine: bene la vendita di cappotti e capispalla

TorinoToday è in caricamento