Cronaca

25mila parcheggi a pagamento in più, ma niente zona ospedali

Mezza Torino sarà interessata dal parcheggio a pagamento, specialmente nell'asse della metropolitana. Ma le strisce blu non saranno estese in zona ospedali

Le strisce blu toccheranno sì e no mezza città. 25mila parcheggi a pagamento in più, che significheranno per i torinesi un nuovo balzello da pagare: lasciare la propria vettura gratuitamente nelle vie della città sarà infatti sempre più difficile. Da Aurora a Vanchiglia, da Campidoglio a borgo San Paolo, per poter parcheggiare bisognerà mettere mano al portafoglio, anche se i prezzi saranno più bassi rispetto al centro.

I nuovi spazi, che saranno creati quando Gtt verrà venduta, sono comunque ancora in forse. Una certezza, per ora, riguarda lo stralcio dell’area ospedali: vincolo imposto dall’assessorato modificando una precedente bozza che prevedeva la zona delle Molinette inclusa nel progetto di estensione delle strisce blu: oggi, l’area a pagamento in zona Millefonti coinvolge piazza Carducci e un tratto di corso Bramante.

Ma la sosta a pagamento toccherà grossomodo tutte le zone attorno alla linea 1 del metrò. E corso Francia sarà il più penalizzato, dovendo sopportare il parcheggio a pagamento fino in zona Pozzostrada, o anche oltre, fino a corso Marche. Borgo San Paolo dovrebbe essere coinvolto nel progetto almeno fino a piazza Sabotino, mentre Cenisia dovrebbe essere inserita nella zona attorno a piazza Adriano. Aurora e Vanchiglia completeranno il progetto nella zona nord della città. Anche la collina verrà interessata, spingendo i parcheggi a pagamento fino a piazza Gozzano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

25mila parcheggi a pagamento in più, ma niente zona ospedali

TorinoToday è in caricamento