menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Amianto a fiumi nel basso San Donato, richiesta la bonifica urgente

Le condizioni delle coperture dell'area Paracchi sono finite sotto la lente d'ingrandimento dei consiglieri comunali del Pdl Tronzano e Magliano

Cinque edifici schiavi da anni dell’amianto killer. Riesplode la polemica per le condizioni delle coperture presenti tra via Pianezza e corso Svizzera, all’interno dell’area Paracchi del basso San Donato. L’argomento, infatti, è tornato prepotentemente alla ribalta durante la riunione della Seconda commissione comunale. I consiglieri del Pdl Andrea Tronzano e Silvio Magliano hanno chiesto la bonifica di tutti i tetti e la riqualificazione di una zona altamente degradata e abbandonata.

“Gli immobili si stanno svalutando e basta fare un giro nel quartiere per capire il perché – spiega Magliano -. Non si può più restare a guardare. Servono al più presto dei provvedimenti. Solo un cambio di rotta tranquillizzerà i cittadini”.Degli edifici in questione tre sono presenti in via Balangero, di cui due al civico 22 e 24 e uno al civico 17. Proprio in quest’ultimo è presente la sede dell’associazione nazionale degli alpini.

Entro fine mese la Città acquisirà il cronoprogramma e il dettaglio degli interventi di bonifica.  Per lo stabile di via Calabria 15 angolo corso Potenza, invece, è atteso in tempi brevi un sopralluogo dell’Arpa. “Sono anni che chiediamo un intervento. L’amianto è un nemico da non sottovalutare – dichiarano i residenti di via Pianezza -. A questo punto speriamo che sia solo questione di giorni. Al massimo di settimane”. Diversa è la storia del caseggiato di via Pessinetto 36 dove l’Arpa è già intervenuta lo scorso mese di agosto.

La Città di Torino è ora in attesa degli esiti della verifica che verranno forniti dallo studio professionale incaricato. L'immobile, verosimilmente, verrà ceduto gratuitamente al Comune. “Speriamo dopo tante parole di vedere anche qualche intervento concreto – dichiara il consigliere Tronzano -. I residenti di quella zona non possono certo dormire sonni tranquilli con quelle coperture in amianto sopra la loro testa”. L’avanzamento dei lavori – hanno spiegato gli uffici di piazza Palazzo di Città – verrà reso noto solo tra la metà e la fine del mese di novembre. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento