Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Riccardo Zandonai

In via Zandonai scoppia l’allarme amianto. "Bonificate l’ex scuola"

I residenti del quartiere sono tornati a protestare chiedendo la bonifica della tettoia in amianto dell'ex scuola per infermieri. Un problema che i cittadini si trascinano da nove lunghi anni. "Siamo stufi di promesse"

Via Zandonai torna ancora una volta nell’occhio del ciclone. E nel mirino c’è sempre quell’ex scuola per infermieri, da tempo abbandonata. Aspettando un progetto che la riqualifichi una volta per tutte i residenti del quartiere sono tornati a protestare scrivendo alla prefettura e alle istituzioni chiedendo la rimozione dell’amianto presente sulla tettoia.

La struttura situata all’angolo con corso Taranto, infatti, versa da ormai troppo tempo in totali condizioni d'abbandono. Come si può capire dalle erbacce, dalle deiezioni canine e dai rifiuti presenti in lungo e in largo tra la strada e il marciapiede. Una situazione che ha subito un lento ma costante degrado negli ultimi nove anni, compresa un’occupazione abusiva e temporanea da parte di un gruppo di squatter.

E dei progetti in cantiere si sono perse completamente le tracce. A cominciare dalla possibile realizzazione di una struttura d'accoglienza temporanea per persone che hanno parenti all'ospedale San Giovanni Bosco – e relativa realizzazione di monolocali e bilocali - e continuando con l’ipotesi albergo sociale, in stile via Ivrea. "In passato si era parlato anche di un asilo comunale e di un ambulatorio medico – raccontano con un pizzico di impazienza i residenti della zona -. Ma alle tante parole non sono mai seguiti i fatti. Per questo abbiamo scritto una nuova lettera nella speranza che l’amministrazione si decida a bonificare quella copertura in amianto che non ci fa dormire sonni tranquilli".



Un argomento che non può non toccare da vicino anche i vertici della circoscrizione Sei. Ecco perché dai locali di via San Benigno è arrivata immediatamente una risposta. "L’area doveva essere riqualificata già molto tempo fa – spiega senza tropi giri di parole la presidente Nadia Conticelli -. In questi anni, però, ci sono stati alcuni piccoli intoppi. Sicuramente siamo dispiaciuti ma crediamo ancora nei progetti di messa in sicurezza. A cominciare dalla rimozione dell’amianto che tanto preoccupa, giustamente, i cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In via Zandonai scoppia l’allarme amianto. "Bonificate l’ex scuola"

TorinoToday è in caricamento