Palazzo Nuovo, la bonifica da amianto sarà ultimata nel 2019

Gli interventi per l'università riguardano i piani dal terzo al sesto non ad uso didattico. La spesa prevista per i lavori è di 4 milioni di euro

Immagine di repertorio

La sede storica delle facoltà umanistiche dell'Università di Torino verrà bonificata dall'amianto entro il 2019. Tornando finalmente agibile.

Gli interventi per Palazzo Nuovo, che riguardano i piani dal terzo al sesto non ad uso didattico, comprenderanno anche la ristrutturazione dei locali, resi più funzionali e moderni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La spesa prevista per i lavori è di 4 milioni di euro. Con la firma della convenzione tra Arpa e ateneo, sono stati sottoposti a censimento e mappatura 59 edifici su un totale di 96. Bonifiche, già ultimate, hanno interessato Palazzo Campana, il Rettorato, in via Pietro Giuria i Dipartimenti di Fisica, Chimica, Scienze e Tecnologia del Farmaco, Scienze della Terra, il Polo scientifico di Grugliasco, i locali universitari negli ospedali sant'Anna e Regina Margherita,l'asse di corso Unione Sovietica, i Dipartimenti di Scienze della Sanità Pubblica, Neuroscienze, Scienze Cliniche e Biologiche, Oncologia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Divampa un incendio nel suo appartamento, donna muore intossicata

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

  • Perde il controllo dell'auto che si ribalta a lato della carreggiata: grave il conducente

Torna su
TorinoToday è in caricamento