Dalla Cina importate 8600 auto con componenti in amianto, due indagati

Ad indagare sul caso il pm Raffaele Guariniello. Intanto sono state allertate le Asl sul territorio affinché effettuino controlli nelle officine della rete di assistenza, incaricate di rimuovere le parti nocive.

Sono oltre 8600 le auto con componenti in amianto arrivate in Italia dalla Cina. I dati sono emersi dall'inchiesta chiusa in questi giorni dalla procura di Torino, per la violazione della legge che vieta l'importazione di merce contenente amianto.

Indagati dal pm Raffaele Guariniello, i due legali rappresentanti della società importatrice delle vetture della Great Wall Motors, la casa madre cinese. In particolare dovrebbero essere tre i modelli di auto in cui si è riscontrata la presenza di amianto.

Nel frattempo sono state allertate le Asl su tutto il territorio per effettuare controlli nelle officine della rete di assistenza incaricate di rimuovere i componenti nocivi. Ai lavoratori che avrebbero dovuto compiere queste operazioni non erano state fornite indicazioni sulle modalità da seguire, trovandosi in presenza di amianto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento