Dalla Cina importate 8600 auto con componenti in amianto, due indagati

Ad indagare sul caso il pm Raffaele Guariniello. Intanto sono state allertate le Asl sul territorio affinché effettuino controlli nelle officine della rete di assistenza, incaricate di rimuovere le parti nocive.

Sono oltre 8600 le auto con componenti in amianto arrivate in Italia dalla Cina. I dati sono emersi dall'inchiesta chiusa in questi giorni dalla procura di Torino, per la violazione della legge che vieta l'importazione di merce contenente amianto.

Indagati dal pm Raffaele Guariniello, i due legali rappresentanti della società importatrice delle vetture della Great Wall Motors, la casa madre cinese. In particolare dovrebbero essere tre i modelli di auto in cui si è riscontrata la presenza di amianto.

Nel frattempo sono state allertate le Asl su tutto il territorio per effettuare controlli nelle officine della rete di assistenza incaricate di rimuovere i componenti nocivi. Ai lavoratori che avrebbero dovuto compiere queste operazioni non erano state fornite indicazioni sulle modalità da seguire, trovandosi in presenza di amianto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento