Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Piazza Giovanni Bottesini

Gli ambulanti bloccano il cantiere: "State uccidendo piazza Foroni"

Nuova manifestazione degli operatori contro il progetto di riqualificazione del Comune di Torino. In cinquanta hanno occupato il cantiere di via Crescentino

Revisione del progetto di riqualificazione del mercato, bocciatura della corsia preferenziale per i mezzi autorizzati e di soccorso che disterà, dati alla mano, appena tredici centimetri dai banchi. Sono queste alcune delle motivazioni che hanno portato gli ambulanti di piazza Foroni a lasciare i banchi e ad occupare per una mattinata il cantiere di via Crescentino e piazza Bottesini. Agli operatori della Barriera, infatti, il disegno del nuovo mercato proprio non piace. Per dimostrare la loro contrarietà all’opera del Comune gli esercenti hanno effettuato ieri mattina una nuova protesta contro Urban, “armati” soltanto di striscioni, fischietti e megafoni.

“Noi siamo d’accordo con la riqualificazione ma con un progetto del genere rischiamo solo di fare la fine di piazza Crispi o di corso Taranto” ha spiegato senza troppi giri di parole Vincenzo Torraco della commissione ambulanti. L’apertura del cantiere, rimandata già in un’occasione, non ha fatto altro che avviare la rivolta. Così gli ambulanti hanno pensato bene di alzare il tiro, in segno di protesta contro l’amministrazione comunale che continua ad ignorare le loro richieste.

“La corsia per i soccorsi deve stare in mezzo al mercato e non a ridosso dei negozi” ha dichiarato un altro esercente. A contestare l’operato del Comune ci ha pensato anche il capogruppo del Pdl della Sei Domenico Garcea. “Andando avanti di questo passo – lamenta Garcea - piazza Foroni sarà il prossimo mercato a chiudere. E tutto per errori marchiani del centro-sinistra”. Ma il faccia a faccia con i tecnici della Città, preteso e poi ottenuto, ha avuto ancora una volta il sapore della beffa.

I lavori di riqualificazione non si fermeranno nonostante le richieste della commissione ambulanti. E vista la situazione gli operatori si rivolgeranno ad alcuni legali per far valere le loro posizioni. “Siamo invasi da spacciatori e delinquenti, padroni di via Montanaro e via Scarlatti – ha poi concluso Stefano, ambulante -. Come dimostrano le risse tra ubriaconi in pieno giorno. L’amministrazione dovrebbe prima pensare a quei problemi invece di boicottare i nostri banchi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ambulanti bloccano il cantiere: "State uccidendo piazza Foroni"

TorinoToday è in caricamento