Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Via Nizza

Allagamenti in via Nizza e corso Spezia: commercianti sul piede di guerra

I nubifragi estivi hanno riportato a galla il problema degli allagamenti nei pressi del Lingotto. Ogni volta che piove i commercianti sono costretti a barricarsi nei negozi. Tanti i danni alle attività

Da anni convivono con allagamenti e situazioni al limite dell’assurdo. I residenti e i commercianti di via Nizza e corso Spezia sono tornati nuovamente a lamentarsi dopo le “piene” degli ultimi giorni. Ogni volta che piove tanto gli esercenti e i residenti sono costretti a barricarsi in fretta e furia nei negozi e nelle case per sfuggire all’acqua che inizia a fuoriuscire come impazzita dai tombini. Gli interventi della polizia municipale non evitano le scene di panico. I violenti nubifragi causano danni in serie agli esercizi costringendo i titolari ad armarsi di scope e tanta buona volontà per spazzare via l’acqua dai negozi.

“Non ne possiamo più. Sembra di vivere in un paese sottosviluppato – la dichiarazione rilasciata da alcuni esercenti -. Molti di noi hanno persino comprato delle paratie anti-allagamenti per limitare il numero dei danni”. E ogni volta i commercianti sono costretti a fare la danza della pioggia per non rimanere intrappolati dentro i propri esercizi. “Ogni temporale finiamo con i piedi dentro l’acqua – racconta la signora Perou, presidente dell’associazione commercianti Carducci - Lingotto -. E ogni volta la situazione si fa sempre più nera. Continuiamo a sollecitare l’amministrazione in cerca di interventi urgenti, gli allagamenti sono un dramma. Così non si può andare avanti”.

Lo stesso pensiero della circoscrizione Nove che di recente ha presentato un progetto per risolvere il problema delle acque di falda in corrispondenza delle fondazioni del nuovo grattacielo, area ex Fiat Avio. “Quello degli allagamenti è un tormentone che ci trasciniamo da anni – denuncia il vicepresidente Massimiliano Miano -. Siamo in attesa che la regione si esprima sul progetto che abbiamo presentato. Anche la Smat sta lavorando per la sostituzione del collettore ma così il problema potrà essere risolto solamente l'anno prossimo. I soldi purtroppo mancano”. L’idea porta all’installazione di una condotta di smaltimento che risolva il problema del costante afflusso di acqua.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allagamenti in via Nizza e corso Spezia: commercianti sul piede di guerra

TorinoToday è in caricamento