rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Alice Rolando può tornare in servizio: "Non era a conoscenza dell'operazione fuori dalle regole"

I giudici del riesame le danno ragione

Alice Rolando, ex dirigente del commissariato Dora Vanchiglia (e con una carriera specchiata alle spalle in polizia) che è indagata dal pm torinese Gianfranco Colace insieme ad altri tre poliziotti per un'operazione antidroga condotta al di fuori delle regole procedurali e che per questo era stata sospesa per sei mesi lo scorso 4 dicembre 2020, può tornare al lavoro. Lo ha stabilito martedì 16 marzo 2021 il tribunale del riesame, che ha annullato l'ordinanza del giudice di primo grado.

Per Rolando, che è stata difesa dagli avvocati Antonello Peroglio e Claudio Maria Polidori, "si esclude la gravità indiziaria" in quanto la dirigente "non partecipa materialmente all'operazione e non viene messa a conoscenza degli sviluppi". Inoltre, sottolineano sempre i giudici del riesame, quando il fatto che le viene contestato era avvenuto "aveva preso servizio nel commissariato appena da una settimana, il che esclude che potesse essere già a conoscenza delle modalità illecite" dell'operazione contestata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alice Rolando può tornare in servizio: "Non era a conoscenza dell'operazione fuori dalle regole"

TorinoToday è in caricamento