Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Vanchiglia / Murazzi del Po Ferdinando Buscaglione

Alghe sul Po, Arpa: "Il rischio della diffusione è la pulizia fai da te"

Le piante strappate e abbandonate dove capita si possono riprodurre per frammentazione. E' pertanto indispensabile che l'operazione sia scrupolosa e attenta

Il fenomeno delle alghe che ha interessato il Po

La pulizia a mano del Po dalla stagnante macchia verde, che si può scorgere soprattutto nella zona Murazzi, sono iniziate ma c'è il rischio che l'operazioni di rimozione dei vegetali siano inutili.

Il Myriophyllum aquaticum, la pianta di origine tropicale che sta infestando il fiume e che più preoccupa gli ambientalisti, potrebbe espandersi ancora. Secondo l'Arpa - Agenzia regionale per la protezione ambientale - il pericolo potrebbe venire dalle piante strappate e abbandonate dove capita dalle persone che non fanno parte della task force del Comune.

Frammenti di questi vegetali sono stati trovati qua e là proprio dai tecnici esperti dell'Arpa che hanno sottolineato: "La specie ha la capacità di riprodursi mediante il meccanismo della frammentazione di piccole parti di pianta. Dunque - precisano - ogni intervento di eradicazione va effettuato in modalità controllata e smaltito correttamente". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alghe sul Po, Arpa: "Il rischio della diffusione è la pulizia fai da te"

TorinoToday è in caricamento