Cronaca

Agguato a Musy: domani inizia il processo a Furchì

Inizia domani il processo per l'aggressione ad Alberto Musy, ancora ricoverato. L'imputato è Francesco Furchì, domani presente in aula

Agguato a Musy: inizia domani il processo, a Torino. Musy, consigliere comunale del Terzo Polo, venne gravemente ferito a colpi di pistola il 21 marzo 2012 nel cortile di casa; Musy, dal giorno degli spari, non si è più risvegliato ed è ricoverato in ospedale. Francesco Furchì, l’imputato, ha 50 anni ed è indicato nelle carte delle indagini come un "faccendiere collerico" spinto dalla vendetta. Musy, stando a quanto ricostruito dall’accusa, non voleva assecondare i maneggi di Furchì.

"Furchì - afferma l'avvocato Mariarosaria Ferrara, che lo assiste insieme al collega Giancarlo Pittelli - è molto provato ma attende con fiducia il processo perché confida che emerga la sua innocenza".

L’imputato domani sarà presente in aula, ascoltando i primi degli 88 testimoni citati dal pm Roberto Furlan, tutti inquilini della palazzina di via Barbaroux dove si verificò l'attentato. Prenderà formalmente parte al processo in qualità di parte civile tramite la moglie di Alberto, Angelica, suo tutore; la donna sarà parte civile con le quattro figlie e altri familiari, tutti patrocinati dagli avvocati Valentina e Gian Paolo Zancan. Si costituirà parte civile anche il Comune di Torino. Secondo notizie raccolte in ambienti giudiziari anche l'Università di Novara (dove Musy insegnava) era intenzionata a fare altrettanto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato a Musy: domani inizia il processo a Furchì

TorinoToday è in caricamento