Cronaca

Un altro detenuto suicida alle Vallette: è il terzo in un mese

Si è tolto la vita nel carcere di Torino Agostino Castagnola, 45 anni. Era stato arrestato con l'accusa di avere ucciso la moglie a Silvano d'Orba. E' il terzo suicidio in poco meno di un mese

Terzo suicidio in meno di un mese al carcere Lorusso e Cutugno di Torino. Si è tolto la vita nel carcere delle Vallette Agostino Castagnola, 45 anni, un uomo che era stato arrestato con l'accusa di avere ucciso la moglie a Silvano d'Orba, in provincia di Alessandria.

Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp, un sindacato della polizia penitenziaria, ha confermato la notizia. Agostino Castagnola si era costituito ai carabinieri il 13 ottobre: aveva strangolato la moglie, la quarantenne Paola Carlevaro, farmacista, mentre stava dormendo in camera da letto. Sabato, poco dopo le due, ha atteso che il compagno di cella uscisse per quello che in gergo è chiamato "passeggio" e, una volta rimasto solo, si è legato attorno al collo un laccio. Avrebbe, a quanto si apprende, lasciato un biglietto in cui spiega il suo gesto e chiede perdono.


"Dall'inizio dell'anno - osserva Beneduci - è il 25/o suicidio, il terzo a Torino in venti giorni. E' una strage continua. E la polizia penitenziaria è sempre più abbandonata al destino di prendere atto del disastro delle carceri italiane". "E' evidente - afferma il segretario dell'organizzazione sindacale - che l'unica soluzione è incrementare l'organico con un provvedimento straordinario: quello che il ministro Alfano promette e non mantiene dall'inizio della legislatura".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un altro detenuto suicida alle Vallette: è il terzo in un mese

TorinoToday è in caricamento