Scarmagno, i titolari della Darkem aggrediti e malmenati da alcuni vicini

A causa delle botte ricevute padre e figlio sono stati medicati al pronto soccorso a Ivrea

I titolari della Darkem, la fabbrica di Scarmagno distrutta da un incendio lunedì sera, l'amministratore delegato Domenico D'Arco, 71 anni, e il figlio Giuseppe, sono stati aggrediti e malmenati da alcuni vicini, la cui abitazione è stata danneggiata dall'incendio.

A causa delle botte ricevute padre e figlio sono stati medicati al pronto soccorso a Ivrea e dimessi con prognosi che non dovrebbe superare i 20 giorni. I titolari, prima dell'incidente, si stavano recando sul luogo del disastro attesi dai vigili del fuoco e dai carabinieri.

Prima di raggiungere il luogo dell'incendio sarebbero stati avvicinati e circondati da alcune persone, che all'arrivo dei carabinieri si erano dileguate. I militari della Compagnia di Ivrea stanno cercando di individuare i responsabili dell'aggressione. Intanto la Procura di Ivrea continua ad indagare sulle cause del rogo. Il fascicolo è aperto per incendio colposo a carico di ignoti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Tragedia in ospedale a Torino: paziente si uccide gettandosi dal quarto piano

  • Torino, da due anni viveva alla fermata del tram assieme ai suoi cinque cani: la municipale la salva

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento