Cronaca Venaria Reale / Via Pietro Motrassino

Paura a Venaria: aggrediscono il personale 118 intervenuto per soccorrere una donna ubriaca. Tre denunciati

Qualche sera fa dai carabinieri

Molestie ai passanti, urla. E, ancora, spintoni e aggressioni verbali ai danni degli operatori sanitari del 118, intervenuti su richiesta di alcuni residenti.

In via Motrassino a Venaria, a ridosso del sottopasso che conduce verso la tangenziale, nel cuore del quartiere di Altessano, qualche sera fa è successo davvero di tutto. Con tre persone che, alla fine, sono state denunciate per l'aggressione ad una equipe sanitaria 118.

Tutto ha inizio quando una 24enne, già nota alle forze dell'ordine, vistosamente ubriaca, inizia a molestare alcune persone. Le urla svegliano o incuriosiscono numerosi residenti. Alcuni di loro, dopo aver assistito a parte della scena, decide di chiamare il numero unico di emergenza "112", raccontando l'episodio.

In pochi minuti, in via Motrassino è arrivata l'ambulanza, con il personale sanitario che ha provato a soccorrere la donna, tranquillizzandola e cercando di capire se avesse bisogno di essere portata in ospedale per alcuni controlli.

Nel frattempo, però, ecco intervenire tre suo amici: un 32enne, un 28 e un 29enne, tutti pregiudicati. Forse per evitare qualche guaio alla donna, i tre provano in ogni modo a sbarrare la strada all'equipe sanitaria e ritardare gli aiuti immediati alla 24enne. Prima scagliandosi contro di loro e poi iniziando ad insultarli in maniera decisamente pesante.

Gli infermieri - e forse anche qualche residente - chiamano i carabinieri per richiedere aiuto. E così, qualche minuto dopo, arrivano anche i militari della compagnia di Venaria. 

All'arrivo dei carabinieri, la situazione è tornata alla normalità: i tre sono stati bloccati e successivamente denunciati, la donna è stata portata in ospedale per le cure del caso.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura a Venaria: aggrediscono il personale 118 intervenuto per soccorrere una donna ubriaca. Tre denunciati
TorinoToday è in caricamento