Cronaca Lucento / Via Ettore Stampini

Organizzano spedizione punitiva su whatsapp, denunciati 18 ragazzi

Attraverso il gruppo su whatsapp, la banda è riuscita ad organizzare meticolosamente una spedizione punitiva nei confronti di 8 ragazzini minorenni. I carabinieri sono intervenuti sul posto individuando alcuni aggressori

Ha creato un gruppo su whatsapp per organizzare al dettaglio un raid nei confronti di un gruppo di studenti minorenni. Lui, un ragazzino 15enne ed altri 17 ragazzi di età compresa fra i 15 ed i 20 anni, sono stati denunciati dai carabinieri per rapina, istigazione a delinquere, lesioni personali aggravate, tentato furto con strappo, percosse e ingiuria nei confronti di 8 studenti minorenni.

Il raid è cominciato davanti a una scuola superiore in via Stampini del quartiere Madonna di Campagna ed è proseguito in una piazza Stampalia. L'aggressione è stata organizzata meticolosamente attraverso un gruppo su whatsapp, il servizio di messaggi gratuiti attraverso il web. Tramite il gruppo, molti ragazzi sono stati istigati a non andare a scuola per poter effettuare una spedizione punitiva nei confronti di alcuni studenti.

Dapprima sono stati aggrediti e rapinati tre studenti (un quarto è riuscito a reagire), in secondo luogo - dopo il trasferimento in piazza Stampalia - l'aggressione è proseguita per altri quattro studenti che hanno riportato lesioni a causa dell'arma utilizzata (un compasso). Le vittime, secondo quanto accertato, avrebbero avuto, nei giorni precedenti, una discussione con il promotore del gruppo e alcuni suoi amici.

Grazie alla segnalazione del vice presidente dell'istituto, i carabinieri sono giunti sul posto e sono riusciti a fermare due minori ed individuare alcune vittime della banda.

La refurtiva è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari: alcuni zaini scolastici, un orologio, una catenina in oro, un telefono cellulare, un portafogli contenente documenti e carte bancomat, materiale di cancelleria.

 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Organizzano spedizione punitiva su whatsapp, denunciati 18 ragazzi

TorinoToday è in caricamento