Cronaca Centro / Corso Cairoli, 2

Uomo col casco da motociclista aggredisce un notaio in strada a Torino: solo un tentativo di rapina?

Indagini sull'accaduto

L'uomo col casco che uccise Alberto Musy

Un notaio torinese 50enne è stato aggredito e colpito con violenza, apparentemente senza motivo se non per la rapina del telefono cellulare, da uno sconosciuto a piedi che indossava un casco da motociclista all'incrocio tra via Giolitti, dove ha il suo studio, e corso Cairoli la mattina di venerdì 29 gennaio 2021.

La vittima, che si è fatta restituire l'apparecchio che era schizzato in un'aiuola ed era stato preso dall'aggressore (che poi lo ha gettato a terra provocando la rottura dello schermo), è stata soccorsa da una volante della polizia. Al momento dell'aggressione stava portando a spasso il suo cane prima di entrare in studio.

L'aggressore, invece, è stato visto sfilarsi il casco (ma il volto era coperto da una mascherina scura) e salire a bordo di una Fiat Punto con a bordo un complice per poi allontanarsi.

Sulla vicenda procedono gli agenti del commissariato Centro. Si sta cercando di capire che cosa sia successo. La vicenda ricorda, anche se ovviamente con altri contorni e con altro esito (anche la foto che abbiamo pubblicato è meramente a titolo di esempio), quella dell'omicidio di Alberto Musy, che fu ucciso, il 21 marzo 2012, proprio da un aggressore che indossava un casco da motociclista e che, secondo la giustizia, era Francesco Furchì.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo col casco da motociclista aggredisce un notaio in strada a Torino: solo un tentativo di rapina?

TorinoToday è in caricamento