Arbitro aggredito dal massaggiatore durante il match, partita sospesa

Il massaggiatore avrebbe perso le staffe a seguito di un presunto errore dell'arbitro. Il match finirà probabilmente con il risultato di 3 a 0 per la squadra avversaria

Perde le staffe e aggredisce l'arbitro a pochi minuti dalla fine del match. E' successo ieri sera, durante la partita tra la Rodallese e l'Agliè.

Protagonista della vicenda il massaggiatore della formazione locale che sul 1-0 per l'Agliè si sarebbe catapultato in campo, scaraventandosi contro il direttore di gara. Non contento degli spintoni inferti all'arbitro, gli avrebbe lanciato contro anche una borraccia, determinando, quindi, la decisione della giacchetta nera di interrompere la partita.

Il match, dopo l'episodio, finirà verosimilmente a tavolino con il risultato di 3 a 0 per l'Agliè, in base a quello che verrà redatto sul referto medico dell'arbitro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La dinamica dell'episodio è ancora al vaglio degli inquirenti, ma sicuramente sia al massaggiatore che alla società del Rondissone toccherà pagare una pesante sanzione, determinata dal giudice sportivo e dalla Lega Nazionale Dilettanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento