Aggressione al titolare del Granata Store: colpito alle spalle, poi il responsabile è fuggito

Alla chiusura del negozio

Carlo Testa (foto da Facebook)

Carlo Testa, 65enne titolare del Granata Store di piazza Castello, è stato aggredito da uno sconosciuto che lo ha colpito alle spalle con un violento colpo alla schiena nel pomeriggio di ieri, martedì 4 agosto 2020, alla chiusura del negozio e poi è scappato.

Dopo l'accaduto è stato trasportato in ospedale Cto per accertamenti. In ogni caso le sue condizioni non sono gravi: è stato medicato e dimesso con una prognosi di un mese.

Sui social network i tifosi del Toro sono tutti con lui: ci sono messaggi di solidarietà e di incoraggiamento oltre che auguri di tornare presto in negozio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'accaduto sono in corso le indagini della Digos della questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

  • La denuncia: "Aggredito dal vigilante del supermercato perché mi sono abbassato la mascherina"

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Uomo scomparso da mercoledì sera: ritrovato il corpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento