Cronaca

Casa, affitti sempre più cari e aumentano gli sfratti per morosità

Presentato il nuovo Rapporto sulla condizione abitativa. Nel 2010 gli sfratti sono stati 3.513, il 91% dei quali per morosità. E l'aumento dei canoni di locazione è stato del 2% rispetto al 2009

Nell'ultimo anno a Torino sono aumentati sia gli affitti che gli sfratti per morosità: è ciò che si legge nel Rapporto sulla condizione abitativa presentato oggi. Nell'arco del 2010 gli sfratti sono stati 3.513, il 91% dei quali per morosità. Nello stesso anno sul territorio cittadino l'aumento medio dei canoni di locazione è stato del 2% rispetto al 2009. Roberto Tricarico, assessore alle Politiche per la casa del Comune e Ugo Cavalera, assessore all'Edilizia della Regione Piemonte, presso la nuova area di edilizia popolare realizzata nell'area ex Nebiolo, hanno illustrato i dati.

Nell'arco del 2010 gli sfratti sono stati 3.513, il 91% dei quali per morosità. L'anno precedente erano stati 3.106 (2.197 per morosità) ma l'incremento, anche a seguito della crisi, è stato costante: su base annua nel 2009 ha registrato +25%, mentre l'anno successivo è stato di ulteriori 13 punti percentuali. Nel 2010 sul territorio cittadino l'aumento medio dei canoni di locazione è stato del 2% rispetto al 2009, anche se l'incremento degli affitti è differenziato per zone della città, con una crescita del 16% nella zona centrale e una riduzione del 13% in quelle semicentrali.

L'anno scorso un monolocale è costato in media 298 euro al mese, in una forbice compresa tra i 190 euro richiesti nelle zone più degradate ai 378 euro di quelle di maggior pregio. La locazione di un alloggio con due camere e cucina costa in media 618 euro al mese, che scendono a 314 per un appartamento in periferia. A Torino gli alloggi pubblici gestiti dall'Atc sono 18.592, di cui 6.048 di proprietà del Comune. Secondo gli ultimi dati relativi al bando 2007, le famiglie che richiedono alloggio a Torino sono 9.965.


"Registriamo un fabbisogno abitativo crescente - ha commentato Tricarico - anche per questo chiediamo alla Regione di anticipare i contributi all'anno della domanda, invece che come rimborso successivo". "I tempi per il rimborso - ha sottolineato Cavallera - si sono già accorciati e nell'ultimo periodo sono passati dall'autunno all'estate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa, affitti sempre più cari e aumentano gli sfratti per morosità

TorinoToday è in caricamento