Abusi su minorenni: condannato il proprietario di una copisteria

Arrestato nel novembre del 2011 grazie a filmati e registrazioni ambientali, il 62enne è stato condannato a quattro anni e mezzo di reclusione. Le vittime sono due ragazzi e due ragazze dagli 11 ai 17 anni

Il titolare di una copisteria di Torino, un uomo di 62 anni, èstato condannato a quattro anni e mezzo di reclusione per induzione alla prostituzione minorile e violenza sessuale aggravata per avere abusato, lo scorso anno, di quattro minorenni.

 
L'imputato era stato arrestato dalla polizia su ordine del pm Alessandra Provazza nel novembre 2011 dopo che i fatti erano stati documentati da filmati e intercettazioni ambientali. Le vittime erano due ragazzi e due ragazze di età compresa tra 11 e 17 anni.
 
(fonte ANSA)
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Incidente in strada a Torino: tram investe pedone e lo uccide

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento