Abusi sessuali sulla cameriera, ma lei lo denuncia: arrestato ristoratore

A seguito della denuncia i militari hanno perquisito il ristorante e hanno rinvenuto una pistola scacciacani, proprio nel luogo indicato dalla giovane vittima, nonché una serie di gravi indizi ed elementi utili alle indagini

I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno arrestato Antonio T., 64 anni, in esecuzione di una ordinanza di misura cautelare, emessa dal Gip di Ivrea, dott.ssa Stefania Cugge, su richiesta della Procura eporediese, per violenza sessuale. Le indagini dei militari del Nucleo Operativo di Ivrea e della Stazione di Settimo Vittone, svolte sotto la direzione del Pm dott.ssa Chiara Molinari della Procura di Ivrea, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo, proprietario di un ristorante a Settimo Vittone, ritenuto responsabile di violenza sessuale aggravata ai danni di una sua dipendente.

L’attività investigativa ha avuto inizio il 27 ottobre scorso, quando la ventenne, cameriera al ristorante del reo, si è recata dai carabinieri di Settimo Vittone per denunciare gli abusi sessuali perpetrati dal suo datore di lavoro. La ragazza ha così raccontato quanto accaduto a partire dalla sera del 25 ottobre, quando, al termine della serata lavorativa, ha ricevuto le prime avances dal suo datore. Il tutto è poi proseguito in tarda serata, quando il 64enne, nonostante il rifiuto della giovane cameriera, l’ha raggiunta nella stanza da letto a lei in uso e lì l’avrebbe costretta ad un rapporto sessuale.

L’incubo è durato fino al giorno dopo, quando l’uomo avrebbe abusato nuovamente della ragazza, che, estremamente impaurita, ha inizialmente esitato a fuggire via, consapevole del fatto che il suo titolare detenesse una pistola. La giovane donna è poi scappata nel pomeriggio del 26, quando ha chiesto aiuto a un’amica che è passata a prenderla. A seguito della denuncia i militari hanno perquisito il ristorante e hanno rinvenuto una pistola scacciacani, proprio nel luogo indicato dalla giovane vittima, nonché una serie di gravi indizi ed elementi utili alle indagini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini hanno, inoltre, consentito di ben delineare la figura del ristoratore di Settimo, del suo atteggiamento aggressivo nei confronti della sua compagna e anche delle altre dipendenti. Altre due di loro, infatti, che avevano prestato per breve tempo attività lavorativa nel ristorante, avevano ricevuto attenzioni di tipo sessuale da parte dell’uomo.
Il reo, arrestato venerdì mattina dai militari dell’Arma a Borgo Ticino (NO), dove vive adesso, è stato collocato ai domiciliari a Borgofranco d’Ivrea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento