rotate-mobile
Cronaca

Università, la proposta choc di Scienze Politiche: "Aboliamo la tesi di laurea"

Troppe difficoltà a reperire docenti per le commissioni

Abolire le tesi di laurea? È un'ipotesi di cui si sta parlando al dipartimento di Cultura, Politica e Società che ha preso il posto di Scienze Politiche fondata da Norberto Bobbio. La difficoltà a reperire docenti per le commissioni di laurea sarebbe il motivo principale che spingerebbe a valutare la proposta dell'abolizione del lavoro finale, per ciò che riguarda la laurea triennale, ossia quella di primo livello.

Sarà questo l'argomento di cui si discuterà il prossimo 18 aprile nel Consiglio di dipartimento. Verrà presa in considerazione la possibilità della sola valutazione della tesi da parte dei docenti, eliminando il confronto diretto - la discussione - ma anche l'idea di rendere obbligatorie per ciascun docente di dipartimento, un paio di sessioni di laurea all'anno. 

Ma gli studenti cosa ne pensano? Sono in molti ad arricciare il naso. Se è vero infatti che molti di loro potranno fare l'esperienza della discussione al termine della magistrale, è altrettanto vero che non sarà così per tutti coloro che decideranno di proseguire con gli studi. Intanto il 16 aprile al Campus Einaudi se ne parlerà in un'assemblea pubblica. In quell'occasione verranno valutate le diverse soluzioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, la proposta choc di Scienze Politiche: "Aboliamo la tesi di laurea"

TorinoToday è in caricamento