Si parte con l'abbattimento del cavalcavia, i lavori si concluderanno nel 2020

Il progetto

Immagine di repertorio

Il progetto esecutivo del collegamento ferroviario della linea Torino Ceres è realtà. Scr Piemonte, la società appaltante controllata dalla Regione Piemonte, ha illustrato le caratteristiche dell’opera, finanziata con 175 milioni di euro, alla Città.

I lavori dureranno tre anni, fino al settembre del 2020. Si prevede un intervento sotterraneo lungo corso Grosseto per 2,7 km, dal tratto del cavalcavia fino alla stazione Rebaudengo del parco Sempione.

Imminente l’avvio dei lavori di demolizione del cavalcavia; i tecnici hanno precisato che la parte del viadotto su corso Potenza (ramo Potenza-Grosseto) sarà abbattuto in una fase avanzata dei lavori.

Tra le novità emerse durante la presentazione del progetto è stata evidenziata, nella sistemazione in superficie di largo Grosseto, la modifica dell’incrocio semaforizzato con l’inserimento nell’area di alcune nuove fermate di Gtt, le modifiche al tracciato dei tram e dei parcheggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ previsto inoltre l’abbattimento di verde esistente nella misura di 111 unità, compensate dalla posa di 90 nuovi impianti, 38 ripristini e 9 sostituzioni. I valori di compensazione ammontano a circa 120mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Allarme all'ora di pranzo: auto dei carabinieri finisce contro un negozio

  • Coronavirus: il Piemonte in controtendenza con l'Italia, i contagi scendono ma di poco

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

Torna su
TorinoToday è in caricamento