Corso Dante, continua l'abbattimento degli alberi

Le immagini dei lavori che hanno suscitato proteste tra i cittadini

Il tronco dell'albero abbattuto all'angolo con corso Massimo

Prosegue l'abbattimento degli alberi in corso Dante, deciso dal Comune a causa dei problemi di salute degli olmi che potrebbero provocarne la caduta, con conseguente pericolo e danni per persone, auto e palazzi.

Una decisione che ha trovato in disaccordo diversi residenti e commercianti del corso in San Salvario. Come Giuseppe, titolare del Coffee Blanc all'angolo con via Ormea, di fronte al quale un nastro bianco e rosso avverte della prossima operazione di abbattimento. “Secondo me sarebbe stato meglio potarli e metterli in sicurezza. Sono venuti a luglio e ci hanno comunicato che dovevano abbatterlo...”.

corso Dante albero da abbattere via Ormea-2

Dall'altra parte della strada, di fronte al liceo Vittorio Alfieri, i tecnici incaricati del Comune confermano che sta per essere tirato giù un altro albero, il prossimo tra i 13 olmi il cui destino è stato deciso dal Comune.

corso Dante albero potato di fronte a liceo Alfieri-2

Già tagliato il tronco di un altro albero al di là di corso Massimo d'Azeglio, secondo una tabella di marcia che procede a partire dal Ponte Isabella, dove qualcuno ha già lasciato dei lumini “in memoria” dei tronchi già segati.

corso Dante albero abbattuto corso Massimo-2

Sull'operazione, la sezione Verde Pubblico del Comune di Torino ha pubblicato un comunicato ufficiale.

A seguito dell’apertura del cantiere di abbattimento di Corso Dante, si precisa quanto segue.

In corso Dante sono stati effettuati nei mesi scorsi i regolari controlli di stabilità, come da protocollo procedurale della Città, di tutti i 186 esemplari di olmo presenti da parte di professionisti esterni incaricati (dottori agronomi e forestali).

I professionisti hanno stabilito la necessità di ricorrere all’abbattimento in 13 casi. Le indagini sono state molto approfondite e hanno previsto controlli strumentali in quota, che hanno evidenziato cavità interne importanti a carico di branche di grosse dimensioni. In questo caso, le piante hanno un’elevata propensione al cedimento e non ci sono cure possibili.

La Città effettua i necessari interventi per garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini: in caso di forti eventi meteo, sempre più frequenti, le parti della pianta con cavità interne sono deboli e a forte rischio di schianto, e possono causare, in un’area a forte fruizione da parte di cittadini e automobilisti, notevoli danni a persone e cose.

Si ribadisce che gli interventi vengono realizzati da parte di imprese appaltatrici DIVERSE e senza nessuna relazione con chi ha eseguito i controlli; durante tutte le operazioni i tecnici comunali seguono sul posto le attività. Le analisi di stabilità sono documenti disponibili presso il Servizio Verde Pubblico e consultabili dai cittadini con richiesta di accesso agli atti.

Sulla vicenda è intervenuto anche l'assessore Unia:

“Non si taglia un albero senza comprovate ragioni di sicurezza. Il nostro esteso patrimonio arboreo è uno dei punti di forza della città, ne abbiamo cura e attenzione, e i tecnici presenti nell’organico della macchina comunale sono di grande professionalità ed esperienza. Sappiamo che la caduta di alberi è un fenomeno che purtroppo si presenta, soprattutto nell’eventualità di forti temporali: ne abbiamo avuto esempio nello scorso mese di giugno, con alberi o branche intere cadute per strada sulle auto in sosta. I controlli e i tagli servono ad evitare questi eventi, che rappresentano un forte pericolo e che, nel caso di corso Dante, come dimostrano i controlli effettuati, potrebbero presentarsi con alta probabilità. Ogni esemplare abbattuto sarà sostituito e il filare di corso Dante ritroverà la sua bellezza e la sua qualità”.

Lo ha affermato oggi l’assessore all’Ambiente e al Verde Alberto Unia, a commento dell’attività di taglio degli alberi che si sta effettuando in corso Dante.

I tecnici del Servizio Verde Pubblico della Città hanno effettuato regolari controlli di stabilità di tutti i 186 esemplari di olmo presenti in corso Dante con l’ausilio di professionisti esterni incaricati (dottori agronomi e forestali).

I professionisti hanno stabilito la necessità di ricorrere all’abbattimento in 13 casi. Le indagini sono state molto approfondite e hanno previsto controlli strumentali in quota, che hanno evidenziato cavità interne importanti a carico di branche di grosse dimensioni. In questo caso, le piante hanno un’elevata propensione al cedimento e non ci sono cure possibili.

La Città effettua i necessari interventi per garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini: in caso di forti eventi meteo, sempre più frequenti, le parti della pianta con cavità interne sono deboli e a forte rischio di schianto, e possono causare, in un’area a forte fruizione da parte di cittadini e automobilisti, notevoli danni a persone e cose.

Gli interventi, realizzati da parte di imprese appaltatrici diverse e senza nessuna relazione con chi ha eseguito i controlli; sono attuati sotto il controllo dei tecnici comunali. Le analisi di stabilità sono documenti disponibili presso il Servizio Verde Pubblico e consultabili dai cittadini con richiesta di accesso agli atti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento