menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga calata dal balcone di casa con un cestino: quattro arresti 

Lo spaccio avveniva in diverse località

L’attività investigativa condotta dalla Stazione di Villastellone, tra febbraio e maggio 2019, ha permesso di individuare 4 persone coinvolte in numerosi episodi di spaccio “al dettaglio” di hashish nei comuni di Torino, Villastellone, Santena e Carmagnola. Nel corso dell’indagine sono stati arrestati in flagranza due uomini ed effettuati diversi sequestri di stupefacente.

Droga calata dal balcone di casa

I militari hanno accertato che, uno degli arrestati, consegnava la sostanza stupefacente direttamente dal balcone della propria abitazione, utilizzando un cestino legato ad una cordicella che veniva calato fino all’altezza della strada, a portata di mano dell’acquirente che con lo stesso metodo poco prima pagava la merce ricevuta.

Questa mattina, venerdì 26 luglio, i Carabinieri della Compagnia di Chieri hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal Tribunale di Torino – Sezione G.I.P., nei confronti dei quattro, su richiesta del Dr. Marco Sanini della locale Procura della Repubblica, che ha diretto le indagini.  

Nell’ordinanza in questione l’autorità giudiziaria di Torino ha concordato con le risultanze investigative degli operanti che hanno accertato oltre 50 episodi di cessioni di sostanze stupefacenti, ravvisando le esigenze cautelari nei confronti dei 4 indagati, tre italiani e un marocchino, residenti a Torino e hinterland, gravemente indiziati – a vario titolo – del reato previsto dall’art. 73 del DPR 309 del 1990 (produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope).  

I destinatari del provvedimento cautelare sono un 45enne di Villastellone, un 40enne di Carmagnola; un 44enne di Torino e un 22enne di Villastellone. I primi tre sono stati tradotti presso la casa circondariale “Lo Russo – Cotugno” di Torino, mentre l’ultimo è stato accompagnato presso la propria abitazione per rimanere agli arresti domiciliari in attesa dell’interrogatorio.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento