Fuga a tutta velocità e in parte contromano a bordo del furgone rubato: un arrestato

I due complici sono riusciti a far perdere le proprie tracce

Immagine di repertorio

I Carabinieri del Radiomobile di Pinerolo hanno avvistato un furgone Fiat Ducato, di colore bianco e rubato, mentre circolava in direzione di Vigone nella notte di venerdì 16 novembre intorno alle 2 sulla SP129 tra Buriasco e Vigone. 

L’inseguimento

Nel tentativo di bloccare il mezzo ne scaturiva un inseguimento. L’autista del furgone ha iniziato a viaggiare a velocità sostenuta in direzione di Vigone, invadendo più volte la corsia di marcia opposta e imboccando le rotonde al contrario. L’inseguimento è proseguito all’interno dell’abitato di Vigone dove il furgone ha imboccato la via principale contromano (via Umberto I) per poi tornare sulla SP129 in direzione di Pinerolo. 

Il furgone è in marcia e gli occupanti si lanciano fuori

Giunti all’altezza della chiesa di Santa Maria De Hortis di Vigone gli occupanti del furgone (in totale tre uomini) si sono lanciati fuori mentre il mezzo era ancora in marcia, fuggendo nei campi limitrofi. Dopo aver inseguito i fuggitivi, i carabinieri sono riusciti a raggiungere e bloccare uno di loro. Si tratta di un romeno di 30 anni di Torino. Il furgone, rubato nella notte del 13 novembre nel cuneese, è stato recuperato e verrà restituito al proprietario, mentre il 30enne fermato è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e condotto in carcere con l’accusa di ricettazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

  • Incidente di cantiere: autostrada chiusa in un senso, previsione riapertura in 48-72 ore

  • Giovane carabiniere investito mentre interviene su altro incidente: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento