Autovelox da record: 15mila multe in un solo mese

17 verbali per un solo automobilista

Il velox installato a Caselle

Si aggirano sulle 15mila le multe fatte dai due autovelox installati da solo un mese a Caselle, sulla sp2 (all’angolo con via Filatoio) e sulla sp13 (verso San Maurizio).

Numeri impressionanti, con una media di 500 contravvenzioni al giorno, con un vero e proprio tour de force da parte dei civich della città dell'aeroporto per inviare in tempo i verbali.  

In questi giorni, in tanti sono corsi in piazza Garambois per chiedere alla società "Area Riscossioni" - l'azienda che li ha installati - di vedere i fotogrammi che immortalano la propria vettura e, soprattutto, a che velocità andassero. 

“E non possono neanche dire che il limite sia troppo basso - spiega Baracco - visto che lo abbiamo alzato, grazie al sì della Città Metropolitana, di 20 km orari, dai 50 che erano previsti ai 70. Questo numero così imponente dimostra come i velox servissero e che quelle due strade fossero altamente pericolose”, spiega il sindaco Luca Baracco.

Tra i multati, c'è chi andava ai 200 orari e chi ha preso per ben 17 volte il verbale, nonostante i cartelli siano ben visibili, di giorno come di notte.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

Torna su
TorinoToday è in caricamento