"Ha rotto lo specchietto, ora deve pagarlo", ma è una truffa: due arresti

Sventata dai carabinieri

Immagine di repertorio

Non finiscono le "truffe dello specchietto" sulle strade dell'area metropolitana torinese.

Questa mattina, 23 maggio 2019, a San Maurizio Canavese, i carabinieri della tenenza di Cirié hanno arrestato, con l'accusa di violenza privata e tentata truffa, due pregiudicati sinti siciliani.

I due sono stati sorpresi in tempo reale mentre stava simulando un incidente stradale, costringendo una donna di 78 anni, residente in zona, a pagare immediatamente il danno che avrebbe arrecato, dopo averla minacciata e spintonata.

Un pagamento di qualche centinaio d'euro che, per fortuna, è stato evitato grazie ai carabinieri che proprio in quegli istanti erano di passaggio sul territorio di San Maurizio, nell'ambito di una serie di controlli sulla sicurezza nelle strade di competenza della compagnia di Venaria. 

Potrebbe interessarti

  • Scarafaggi in casa? Ecco come allontanarli

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Auto sui binari del tram

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita gettandosi dal balcone: muore un uomo

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Addio a Max e alla sua passione per i motori, il ricordo degli amici

  • Perdono il controllo dell'auto all'incrocio e ne centrano altre due: feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento