menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'autobus 75 Gtt (Foto BusBusNet)

L'autobus 75 Gtt (Foto BusBusNet)

Calci, pugni e un vetro mandato in frantumi: minuti di ordinaria follia a bordo dell'autobus

Due denunce e un arresto

Minuti di ordinaria follia, nella serata di ieri, mercoledì 30 settembre 2020, attorno alle 23, su un autobus della linea Gtt "75",  all’altezza di via Lauro Rossi, quasi all'angolo con via Fossata.

Quattro le persone protagoniste che, a seguito di un susseguirsi di ingiurie, hanno deciso di passare dalle parole ai fatti. Il tutto sotto gli occhi di tanti altri utenti del mezzo e, soprattutto, dell'autista. Quest'ultimo, alla fermata "Randaccio", ha bloccato il mezzo e fatto scendere tutte le persone non coinvolte, chiamando tempestivamente la polizia. Nel frattempo, a bordo, i quattro hanno continuato a darsele di santa ragione. Con calci, pugni, martelli frangivetro divelti per colpire gli altri protagonisti. 

La Volante è riuscita ad arrivare proprio mentre uno di loro - un 25enne marocchino - mentre impugnava il martelletto era intento ad inveire contro il conducente, che si era rifugiato nella cabina. Dopo qualche istante, il 25enne ha colpito con violenza il vetro del parabrezza del bus, lesionandolo vistosamente, per poi darsi alla fuga.

Ma gli agenti lo hanno bloccato insieme ad un altro giovane coinvolto nella rissa: si tratta di un ragazzo 25enne spagnolo. Gli altri due protagonisti della rissa, invece, erano riusciti a fuggire ben prima dell'arrivo della polizia. I due sono stati così denunciati per "rissa" ed "interruzione di pubblico servizio".

L’autore del danneggiamento del vetro con il martelletto, vale a dire il 25enne marocchino - noto per precedenti - è stato anche denunciato per "furto" e arrestato per "danneggiamento aggravato".

Le indagini sono in corso. La polizia, con l'aiuto delle telecamere interne al mezzo, potrebbe già nelle prossime ore dare un nome e un volto agli altri due protagonisti della rissa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento