menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri sul luogo del tentato suicidio

I carabinieri sul luogo del tentato suicidio

Cerca di togliersi la vita dopo il litigio con la fidanzatina: salvato dai carabinieri

Stava per buttarsi da un ponte

Quel litigio, molto forte, con la giovane fidanzata, non lo ha più fatto ragionare. E così, ha deciso di farla finita, provando a buttarsi giù dal ponte di corso Garibaldi, quello che si affaccia verso la tangenziale di Torino, nella parte destra, per chi percorre l’asse stradale in direzione di Torino.

Ma se quel cuoco di 19 anni è ancora vivo, gran parte del merito lo deve ai carabinieri del radiomobile di Venaria - chiamati dagli amici del giovane - che l’hanno convinto a non compiere il gesto estremo, dopo aver parlato con lui per una decina di minuti, prima di prenderlo per un braccio ed evitare che finisse giù, lungo l’asfalto della tangenziale.

Tutto è avvenuto venerdì sera, 3 maggio 2019, poco prima di mezzanotte, anche se la discussione ha inizio ben prima, in un bar di corso Garibaldi, a pochi passi dallo Juventus Stadium dove era in corso il “Derby della Mole” tra i bianconeri e i granata del Toro.

Il 19enne e la fidanzatina hanno un diverbio, che in poco tempo diventa un litigio molto forte. Un litigio per gelosia, spiegheranno gli amici ai carabinieri.

Poi, all’improvviso, il ragazzo urla e dice: “Adesso mi hai rotto, ora vado ad ammazzarmi”, scappando via dal bar e mettendo paura agli amici e alla fidanzata, che decidono di inseguirlo.

Ma è dura stargli dietro, visto che gioca a calcio ed ha il fisico di un atleta. 

Gli amici decidono così di chiamare il “numero unico di emergenza 112”, facendo così arrivare in corso Garibaldi un’ambulanza del 118 e i carabinieri del radiomobile della Reale. 

Poi il lieto finale, con il giovane che scoppia a piangere mentre è fra le braccia dei militari e del personale sanitario. 

“Ho paura di essere lasciato, ma io non posso vivere senza di lei”, ha detto prima di tornare a piangere, prima che gli stessi carabinieri lo abbiano scortato verso casa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento