5 euro per andare da via Bologna al rione Vanchiglia: nei guai taxista abusivo

Multa e sequestro dell'auto

Immagine di repertorio

Da via Bologna fino al rione Vanchiglia. Un viaggio di una decina di minuti scarsi, al netto di un traffico non molto intenso.

Pochi chilometri che ad una donna sono costati 5 euro, grazie ad un taxista abusivo, che effettuava il servizio con una Dacia Duster bianca.

Tutto è successo questa mattina, martedì 21 maggio, quando gli agenti del Reparto Sicurezza Stradale Integrata della polizia municipale si sono insospettiti quando hanno visto quell'auto avvicinarsi ad una donna, prima che quest'ultima, dopo qualche minuto, decidesse di salire a bordo del mezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appena terminata la corsa, i civich hanno fermato e identificato la donna, che ha confermato di aver pagato per il trasporto 5 euro. Un'altra pattuglia, nel frattempo, ha fermato il taxista abusivo, visto che non aveva le autorizzazioni per poter effettuare il servizio. Di qui il sequestro e il fermo della Dacia con il conducente, un 40enne italiano, che è stato anche sanzionato per aver svolto il servizio senza il certificato di abilitazione professionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento