Violentata dopo la notte in un locale: arrestato lo stupratore

Potrebbe essere seriale

Immagine di repertorio

Ha 30 anni, di nazionalità italiana, residente a Moncalieri, celibe. Sono queste le caratteristiche dell'uomo che il 22 luglio del 2017 in via Mancini a Torino, attorno alle 7 del mattino, ha aggredito e violentato in strada una ragazza di 20 anni dell’Ecuador, che stava tornando a casa a piedi dopo aver trascorso la notte in un locale di Torino.

I carabinieri del Nucleo Investigativo del comando provinciale lo hanno arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Per lui l'accusa è di violenza sessuale aggravata.

I militari sono riusciti ad individuarlo dopo un lungo lavoro di analisi e verifiche. Ma per gli inquirenti potrebbe essere il responsabile di altre violenze commesse tra Torino e l'area metropolitana.

Dalla comparazione con altre denunce, infatti, appare identico al modus operandi denunciato da altre vittime: l'attesa della vittima nella zona della "movida" (area compresa tra Corso Massimo, Valentino, corso Moncalieri, zona Gran Madre, corso Cairoli, corso San Maurizio) che usciva da sola dai locali, il pedinamento e l'aggressione alle spalle.

I carabinieri invitano eventuali altre vittime a non tacere e a presentarsi al nucleo investigativo dei carabinieri di Torino, in via Valfré 5, per denunciare e visionare la foto dell'arrestato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Esplosione e incendio distruggono la tensostruttura, fiamme nei locali e nube di fumo

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento