menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

"Non spacciavo, stavo facendo solo jogging": ma il pusher finisce in manette

Dopo aver aggredito un poliziotto

Appena hanno visto compiersi lo scambio "droga-denaro", gli agenti della polizia, in borghese e in divisa, hanno iniziato ad inseguire quel pusher, che senza perdere un istante si era subito dato alla macchia, tra corso Vigevano e via Parella.

E' successo lo scorso lunedì, 6 agosto 2018, poco dopo le 23. 

Una fuga di quasi un chilometro, dove lo spacciatore, un nigeriano di 30 anni - irregolare sul territorio nazionale e con precedenti per i reati di violenza sessuale, rapina e lesioni - ha seminato tutto il contenuto delle sue tasche: telefono cellulare, portafogli e sostanza stupefacente.

Giunto all’interno dei giardini Peccei, il pusher ha ingaggiato una colluttazione con il poliziotto che lo inseguiva a piedi che, grazie al sopraggiungere del collega, è riuscito a fermarlo e ad arrestarlo. 

Per lui le accuse sono di detenzione di sostanza stupefacente e resistenza, ma è stato denunciato anche per essersi rifiutato di fornire le proprie generaltà e per danneggiamento, visto che ha rotto il cinturone del poliziotto durante la colluttazione. 

Una volta in commissariato, il 30enne ha provato ad evitare guai, spiegando come "non stesse spacciando" ma "stava facendo semplicemente jogging". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento