Vendevano frutta e verdura agli angoli delle strade, ma erano abusivi: in due nei guai

Carabinieri donano la merce alle Caritas

La merce sequestrata dai carabinieri di Lanzo

Si mettono agli angoli delle strade, magari vicino a delle piazze. Poi dai furgoni scaricano diverse ceste colme di frutta e verdura.

Pere, mele, arance, mandarini. Ma anche pomodori, zucchine, carote. Tutti venduti a prezzi davvero allettanti. Peccato che la merce più bella fosse sopra alle casse, come "specchietto per le allodole". Sotto, invece, frutta e verdura erano di dubbia qualità e, in alcuni casi, addirittura deteriorata. 

E così, i carabinieri della stazione di Lanzo - assieme ai colleghi di Ceres e Fiano - hanno fermato due venditori abusivi di 22 e 28 anni, originari di Afragola, che da giorni vendevano a Lanzo e Mathi.

Il blitz dei militari è scattato dopo una serie di segnalazioni arrivate da parte di cittadini, che vedevano due furgoni Doblò appostati ai margini delle strade provinciali delle due cittadine.

Dai controlli è emerso come fossero sprovvisti delle autorizzazioni necessarie alla vendita. Anche quelle temporanee, che sono richiedibili direttamente in municipio.

I due furgoni, carichi di merce, sono stati fermati e sequestrati. Mentre ai venditori è stata comminata una multa salatissima di oltre 10mila euro. Da una prima stima, la merce sequestrata è pari a quasi 2mila euro.

I militari, però, hanno deciso di fare una cernita della merce, donando alle Caritas di Lanzo e Traves ben 120 cassette di frutta e verdura, che nelle prossime ore verranno donate - in modo equo - alle popolazioni bisognose della zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è la prima volta che l'Arma della compagnia di Venaria destina frutta e verdura alla Caritas. Poche settimane fa, lo stesso era accaduto a Caselle. E anche in quel caso, i venditori abusivi erano di Afragola. Per gli inquirenti potrebbe trattarsi della stessa banda di venditori abusivi che, spesso e volentieri, oltre a vendere frutta e verdura di dubbia qualità, tenta di mettere in atto truffe ai danni persone sole o anziane. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

  • Tragedia nell'abitazione: donna trovata morta

  • Vanno a fare la spesa e lasciano il figlio chiuso in auto con 40 gradi: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento