La Squadra Mobile sequestra due appartamenti a Forno Canavese di proprietà dell'ex trafficante di droga

In odore di 'Ndrangheta

Una società immobiliare a Sesto San Giovanni (Milano), due appartamenti a Forno Canavese e a Sesto San Giovanni, tre terreni agricoli in località Concorezzo (Monza-Brianza), una Porsche modello Macan.

Sono questi i possedimenti sequestrati preventivamente, nelle scorse ore, dalla Divisione Anticrimine della Questura di Milano nei riguardi di Giuseppe Carvelli, ex trafficante di droga collegato con la potente cosca di ndrangheta dei "Mancuso" di Limbadi (Vibo Valentia).  

I sequestri antimafia, disposti dal questore e del procuratore Distrettuale Antimafia, sono giunti dopo un'attenta valutazione dei patrimoni dell'uomo. Che, a quanto pare, non avrebbe mai guadagnato redditi consistenti se non quelli derivanti dalle attività illecite condotte da Carvelli nel corso della sua vita. 

Carvelli è tornato agli onori delle cronache nel novembre del 2019, quando è stato arrestato dalla Mobile di Milano nell'ambito dell'operazione "Amleto", che ha stanato una serie di prestanomi, impiegati da lui stesso per reinvestire i proventi del traffico di stupefacenti nell'ambito della ristorazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento