menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri nei boschi di Scarmagno

I carabinieri nei boschi di Scarmagno

Omicidio Radici: l'assassino fa ritrovare ai carabinieri l'arma del delitto

In un boschetto

E' stata ritrovata questa mattina, venerdì 25 gennaio 2019, attorno alle 10.30, in un bosco di località Masero a Scarmagno, la pistola utilizzata per uccidere Laurent Radici, il sinto di 44 anni, ucciso da due proiettili a San Giorgio Canavese, in strada Montalenghe di località Cascina Castagnola.

Ad ucciderlo è stato Giuseppe Laforè, 25 anni, un nomade sinti di Romano Canavese. Ed è proprio Laforè ad aver indicato ai carabinieri di Ivrea e Stambino e agli artificieri del comando provinciale dove fosse l'arma del delitto, una “Smith e Wesson” calibro 22, con serbatoio e sei colpi, in buono stato conservazione.

Dai primi accertamenti da parte degli inquirenti, la pistola sembrerebbe essere stata rubata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento