menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non è lei ad avere incendiato il furgone a Barcellona: scarcerata l'anarchica di Ivrea

Decisive le immagini della videosorveglianza

Sara Caterina Casiccia, la 35enne di Ivrea vicino all'area anarchica, non è la responsabile dell'incendio di un furgone durante le proteste d'inizio marzo a Barcellona per dire "no" all'arresto del rapper Pablo Hasel. 

Era stata accusata di tentato omicidio: per gli inquirenti, infatti, avrebbe cosparso di acquaragia il mezzo prima che una molotov venisse fatta esplodere nelle vicinanze del furgone, dove un agente era riuscito a fuggire giusto in tempo.

A scagionarla sono state le immagini del sistema di videosorveglianza della Rambla: è stata vista lanciare una bottiglia contro la polizia ma nel video del furgone incendiato è invece presente una donna con stivali marroni, cappello e una collana di colore lilla. Ma quel giorno, Casiccia aveva solo degli stivali neri, come ribadito dal suo avvocato. 

Al momento Casiccia - che in Italia è una videomaker conosciuta come Tzara Kasjtcha - rimane indagata, e dovrà presentarsi ciclicamente in tribunalea Barcellona. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento